HUMANITY FIRST 

Humanity First è un progetto fotografico che nasce nel 2019 e ancora in corso.
Il progetto è un tributo alla sensibilità di ogni essere umano nei confronti dell’altro. Un ammonimento ad ogni ideale di supremazia di una categoria sull’altra. Un pacifico messaggio di opposizione alla dilagante disumanità di cui siamo testimoni, ma di cui possiamo non essere complici. 
Consiste in una serie di ritratti di persone di età, storie, background sociale e provenienze diverse, ad occhi chiusi, accarezzati da una mano che potrebbe rappresentare quella di chiunque. Humanity First è un elogio alla gentilezza umana e un invito a non dimenticarsene.
Se potessimo pensare ad una società inclusiva, in modo puro e onesto, ma soprattutto umano, ognuno di noi si approccerebbe all’altro con amore e gentilezza, facendo appello al sentimento più ancestrale che risiede nel nostro io. Compassione, empatia e comprensione sono i capi saldi a cui appellarsi in ogni momento storico che sembra disgregarci. In tempi e situazioni che ci vorrebbero disgiunti, omologati e persi, venirci incontro è l’atto di coraggio più puro che possiamo fare.
Ogni giorno.
In ogni gesto.
Restiamo umani.



un sentito grazie al centro di recupero ‘’Ulisse e Teseo’’ a Roma e all'associazione ''Pagaie Rosa" per aver aderito a questo progetto,
dando il loro prezioso contributo per alcuni dei ritratti entrati a far parte di Humanity First.